Ergon Stp > Consulenti > Collaboratori: ora è’ possibile regolarizzare

Dal 1 gennaio i datori di lavoro possono regolarizzare la posizione di collaboratori ancora in forza, o anche cessati, con contratti di collaborazione, anche a progetto, o titolari di partita Iva ritenuti impropri.

Per poter “sanare” tali situazioni è necessario procedere all’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

L’assunzione comporta l’estinzione di qualunque tipologia derivanti dalla difforme qualificazione del rapporto di lavoro rispetto alla realtà dei fatti.

Per accedere alla “sanatoria” è fondamentale definire una conciliazione – in sede stragiudiziale – e non procedere al licenziamento nei successivi 12 mesi salvo casi di giusta causa. Non sono “sanabili” i contratti già in contestazione da parte degli organi ispettivi.

Le assunzioni derivanti dalla regolarizzazione possono fruire anche degli sgravi previsti dalla normativa.

Trattandosi di problematica di indubbia complessità i Clienti interessati sono invitati a rivolgersi al consulente del lavoro di riferimento.

Ultime Notizie

Congedo di paternità, parentale e smart working: novità dal 13 agosto
Agosto 12, 2022da
Obbligo di informazione in capo al datore di lavoro
Agosto 5, 2022da
Chiusura estiva uffici Ergon
Agosto 2, 2022da

Archivi