Ergon Stp > Consulenti > Novità 2016 in materia di pensione

Come al solito le normative di fine anno portano aggiornamenti alle pensioni e quindi assume sempre più importanza il monitoraggio della propria posizione previdenziale.

Consigliamo a tutti i lavoratori, dipendenti e non, di registrarsi sul sito INPS (www.inps.it area servizi al cittadino) e verificare l’aggiornamento del proprio estratto conto.

L’INPS, grazie anche alla quotidiana collaborazione dei consulenti del lavoro, sta implementando le informazioni disponibili che ora sono raccolte in un vero e proprio fascicolo dell’assicurato.

L’estratto conto rappresenta il documento fondamentale per valutare, assieme al consulente del lavoro, la propria posizione previdenziale e pianificare al meglio il futuro assicurativo.

Ergon Stp offre il servizio di consulenza previdenziale a tutti gli assicurati siano essi dipendenti, lavoratori autonomi o imprenditori, illustrando le possibilità di usare al meglio la contribuzione obbligatoria prevista dalla legge.

Per qualsiasi informazioni in merito telefonare allo studio, 040 3783211 per fissare un appuntamento, o inviare una mail a: segreteria.consulenti@ergonstp.it

Con l’occasione segnaliamo alcune novità in materia pensionistica:

Incremento per la speranza di vita

Dal 2016 viene incrementato di ulteriori 4 mesi il termine per accedere alla pensione. Per cui gli uomini e le lavoratrici del settore pubblico, acquisiranno il diritto per la pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni e 7 mesi e per la pensione anticipata sono necessari almeno 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne

Aumento dell’età pensionabile

Per arrivare all’uniformità di trattamento tra uomini e donne e tra dipendenti e autonomi, l’età pensionabile passa da 63 anni e sei mesi a 65 anni per le dipendenti e da 64 anni e sei mesi a 65 anni e sei mesi per le autonome. Dal 2018 tutte le differenze tra uomini e donne saranno annullate

Revisione coefficienti di trasformazione

Per effetto della maggior speranza di vita vengono rivisti, al ribasso, i coefficienti di trasformazione del “montante” della quota pensionistica calcolata con il “contributivo” e quindi avremo pensioni al ribasso. Un tanto porta a valorizzare le forme di previdenza integrativa che vanno studiate e analizzate per tempo per evitare pagamenti con pochi risultati

Opzione Donna

Le donne che hanno maturato i requisiti di età (57 anni e 3 mesi – 58 anni e 3 mesi le autonome) e almeno 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2015 possono ancora optare per il pensionamento immediato con però una sensibile perdita economica

Ultime Notizie

Da oggi ci trovi anche su Linkedin
Novembre 21, 2020da
Welfare 2020
Novembre 19, 2020da
Studio Ergon ed emergenza Covid
Novembre 10, 2020da

Archivi