Con la circolare 19/2015, pubblicata l’8 giugno 2015, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali fornisce alcune indicazioni operative circa la disciplina in materia di DURC online.
Alcuni aspetti riportati nella circolare:
Soggetti abilitati alla veridica di regolarità contributiva

  • Organismi di attestazione SOA;
  • Le amministrazioni pubbliche concedenti;
  • Le amministrazioni pubbliche procedenti;
  • L’impresa e il lavoratore autonomo in relazione alla propria posizione contributiva;
  • Le banche o gli intermediari finanziari, previa delega del soggetto titolare del credito.

Per quanto riguardano gli ultimi due punti  la possibilità di verifica è subordinata alla sussistenza di un apposito atto di delega che dovrà essere comunicata a cura del delegante agli istituti.

Verifica della regolarità contributiva

I soggetti abilitati possono verificare in tempo reale la regolarità contributiva nei confronti dell’INPS, dell’INAIL e, per le imprese classificate o classificabili a fini previdenziali nel settore industria o artigianato per le attività dell’edilizia, delle Casse edili.

Requisiti di regolarità

La verifica della regolarità in tempo reale riguarda i pagamenti dovuti dall’impresa in relazione ai lavoratori subordinati e a quelli impiegati con contratto di collaborazione che operano nell’impresa stessa, nonché i pagamenti dovuti dai lavoratori autonomi, scaduti sino all’ultimo giorno del secondo mese antecedente a quello in cui la verifica è effettuata, a condizione che dia scaduto anche il temine di presentazione delle relative denunce retributive.

La regolarità sussiste comunque anche in caso di rateizzazioni e in presenza di uno scostamento non grave tra le somme dovute e quelle versate, con riferimento a ciascun Istituto ed a ciascuna Cassa edile. In tal caso non si considera grave lo scostamento tra le somme dovute e quelle versate con riferimento a ciascuna Gestione nella quale l’omissione si è determinata che risulti pari o inferiore ad 150,00 euro comprensivi di eventuali accessori di legge.

Assenza di regolarità

Qualora non sia possibile attestare la regolarità contributiva in tempo reale l’INPS, l’INAIL e le Casse edili trasmettono tramite Pec, all’interessato o al soggetto da esso delegato, l’invito a regolarizzare con indicazione delle cause di irregolarità.

L’interessato può regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a 15 giorni dalla notifica dell’invito alla regolarizzazione.

Decorso inutilmente il termine assegnato per la regolarizzazione, l’eventuale risultato negativo della verifica verrà comunicato esclusivamente ai soggetti che hanno effettuato l’interrogazione

[button link=”http://www.dottrinalavoro.it/wp-content/uploads/2015/06/ML-circ.-n.-19-2015-DURC-ON-LINE.pdf” color=”default” size=”small” target=”_blank” title=”” animation_type=”fade” animation_direction=”down” animation_speed=”0.3″]Link[/button]

Ultime Notizie

Ergon tra le prime 10 STP in Italia nel settore Consulenti del Lavoro
Novembre 24, 2020da
Da oggi ci trovi anche su Linkedin
Novembre 21, 2020da
Welfare 2020
Novembre 19, 2020da

Archivi