Maternità e paternità – Legge di bilancio 2019

Ergon Stp > Consulenza del lavoro > Maternità e paternità – Legge di bilancio 2019

Sono già in vigore le novità in materia di tutela della maternità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 al Testo Unico su maternità e paternità.

La lavoratrice dipendente può continuare a lavorare per l’intera durata della gravidanza e rinviare al periodo successivo al parto la fruizione dei 5 mesi di congedo di maternità obbligatoria, previsti dalla legge.

Tale scelta è però subordinata alla supervisione di idoneità dello stato di salute della lavoratrice da parte sia di un medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale, o con esso convenzionato, che del medico del lavoro: la decisione della lavoratrice non deve arrecare pregiudizio alla sua salute e a quella del nascituro.

Il congedo di maternità, ferma restando la durata complessiva prevista dalla legge che è pari a 5 mesi, può essere articolato in varie modalità:

Ordinario: la lavoratrice ha diritto a 5 mesi continuativi e non frazionabili di astensione dal lavoro, corrispondenti ai due mesi antecedenti alla data presunta del parto cui si aggiungono i tre mesi successivi alla nascita del bambino;

Flessibile: la lavoratrice proroga di un mese l’inizio del congedo preparto, aumentando corrispondentemente il congedo post partum fino a 4 mesi di vita del bambino;

Posticipato: l’intero periodo di maternità, pari a cinque mesi, viene fruito dopo il parto.

Inoltre, nel caso di lavori pericolosi, la maternità può essere anche allungata dal Servizio Ispezione fino a 7 mesi dopo il parto. In questo caso non è in alcun caso possibili fruire, in maniera flessibile o posticipata, del congedo di maternità obbligatorio.

Al datore di lavoro, che occupa meno di 20 dipendenti, è riservato un particolare sgravio contributivo nel caso in cui proceda all’assunzione a tempo determinato per esigenze sostitutive di lavoratori destinatari:

  • del congedo di maternità obbligatorio;
  • del congedo di paternità o parentale;
  • del congedo per malattia del figlio di età non superiore a un anno.

L’incentivo consiste nella riduzione del 50% dei contributi ai fini assistenziali e previdenziali a carico del datore di lavoro, compreso l’importo del premio assicurativo ai fini INAIL.

A disposizione per dettagli

Ultime Notizie

Protocollo per la vaccinazione Covid in azienda
Aprile 12, 2021da
Ergon Informaclienti marzo 2021
Aprile 12, 2021da
Aggiornamento protocollo Covid negli ambienti di lavoro
Aprile 9, 2021da

Archivi