LICENZIAMENTI COLLETTIVI ANCHE PER DIRIGENTI

Ergon Stp > Consulenza del lavoro > LICENZIAMENTI COLLETTIVI ANCHE PER DIRIGENTI

Con la legge n. 161/2014 trova spazio anche la norma che include i dirigenti e le loro organizzazioni sindacali tra i soggetti a cui si applica la procedura del licenziamento collettivo.

Dopo la sentenza del 13 febbraio 2014 n. C-596/12 della Corte di Giustizia Europea, che ha ritenuto illegittima l’esclusione dei dirigenti dall’ambito di applicazione della procedura di licenziamento, la legge 161/2014 è intervenuta modificando in più parti la normativa. Sono cambiati i criteri di calcolo dell’organico ed i dirigenti devono essere conteggiati sia nel calcolo dei 5 lavoratori per i quali l’impresa intende procedere al licenziamento, sia nel calcolo dell’organico che determina il superamento della soglia dei 15 dipendenti.

Riportiamo l’art. 16 della L. 161/2014:

Modifiche all’articolo 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, in materia di licenziamenti collettivi. Procedura di infrazione n.2007/4652. Sentenza della Corte di giustizia dell’Unione Europea del 13 febbraio 2014 nella causa C-596/12.
1. All’articolo 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:

  • a) al comma 1, primo periodo, dopo le parole: «più’ di quindici dipendenti» sono inserite le seguenti: «, compresi i dirigenti,»;
  • b) dopo il comma 1-quater e’ inserito il seguente:
    «1-quinquies. Nel caso in cui l’impresa o il datore di lavoro non imprenditore, ricorrendo le condizioni di cui al comma 1, intenda procedere al licenziamento di uno o più’ dirigenti, trovano applicazione le disposizioni di cui all’articolo 4, commi 2, 3, con esclusione dell’ultimo periodo, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 11, 12, 14, 15 e 15-bis, e all’articolo 5, commi 1, 2 e 3, primo e quarto periodo. All’esame di cui all’articolo 4, commi 5 e 7, relativo ai dirigenti eccedenti, si procede in appositi incontri. Quando risulta accertata la violazione delle procedure richiamate all’articolo 4, comma 12, o dei criteri di scelta di cui all’articolo 5, comma 1, l’impresa o il datore di lavoro non imprenditore e’ tenuto al pagamento in favore del dirigente di un’indennità’ in misura compresa tra dodici e ventiquattro mensilità’ dell’ultima retribuzione globale di fatto, avuto riguardo alla natura e alla gravita’ della violazione, fatte salve le diverse previsioni sulla misura dell’indennità’ contenute nei contratti e negli accordi collettivi applicati al rapporto di lavoro»;
  • c) al comma 2, le parole: «commi 1 e 1-bis» sono sostituite dalle seguenti: «commi 1, 1-bis e 1-quinquies».
Fonte: Consulenti del lavoro.it

[separator top=”40″ style=”shadow”]
[bscolumns class=”one_third”]
logo_ergon header2
[/bscolumns]
[bscolumns class=”two_third_last”]
I CONSULENTI DI ERGON SONO A TUA DISPOSIZIONE. ANCHE NELLA GESTIONE DELLA CRISI
[/bscolumns][bscolumns class=”clear”][/bscolumns]

Ultime Notizie

Ergon tra le prime 10 STP in Italia nel settore Consulenti del Lavoro
Novembre 24, 2020da
Da oggi ci trovi anche su Linkedin
Novembre 21, 2020da
Welfare 2020
Novembre 19, 2020da

Archivi