LAVORO ACCESSORIO. LE NOVITA’

Ergon Stp > Consulenza del lavoro > LAVORO ACCESSORIO. LE NOVITA’

Il decreto legislativo n. 81/2015 interviene per la regolazione del lavoro accessorio al Capo VI, articoli da 48 a 50.

Per lavoro accessorio si intendono attività lavorative che non danno luogo, con riferimento alla totalità dei committenti, a compensi superiori a 7.000 euro nel corso di un anno civile.  Fermo restando il limite complessivo di 7.000 euro, nei confronti dei committenti imprenditori o professionisti, le attività lavorative possono essere svolte a favore di ciascun singolo committente per compensi non superiori a 2.000 euro, rivalutati annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati.

I principali punti riguardano:

  • Periodo di osservazione da verificare per il raggiungimento del limite di compensi da erogare tramite voucher. Ora il limite è calcolato su anno civile.
  • Per datori di lavoro non imprenditori la soglia massima di utilizzo del voucher è di 7.000 euro.
  • Per i committenti imprenditori o professionisti il sistema dei buoni è utilizzabile per un limite massimo di 2.000 euro.
  • Le prestazioni di lavoro possono essere rese da qualsiasi soggetto, compresi gli inoccupati, i pensionati ed i percettori di prestazioni integrative di sostegno al reddito. In quest’ultimo caso il limite generale è di 3.000 euro per anno civile.
  • I committenti imprenditori e professionisti possono acquistare i buoni unicamente attraverso canale telematico. In questo ambito, salvo diverse disposizioni, il servizio svolto dai tabaccai deve essere inteso come servizio svolto in modalità telematica.
  • I committenti privati possono utilizzare i canali d’acquisto già utilizzati in precedenza.

Tutte le somme qui riportate devono essere intese nette al prestatore.

Ultime Notizie

Ergon Informa Clienti agosto 2020
Settembre 17, 2020da
Ergon Informaclienti luglio 2020
Agosto 10, 2020da
Bonus 100 euro
Luglio 17, 2020da

Archivi