Engon Informaclienti ottobre 2020

Ergon Stp > Consulenza del lavoro > Engon Informaclienti ottobre 2020

Inviamo la sintesi delle novità del mese di ottobre – scritta prima dell’emanazione degli ultimi provvedimenti – in materia di lavoro predisposta sulla base dell’Informaclienti redatto dalla Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro

Maggiori informazioni e chiarimenti possono essere richiesti ai Consulenti dello Studio.

*****

DECRETO RISTORI – il decreto “Ristori” prevede, tra le altre cose, contributi a fondo perduto quale aiuto per le aziende interessate dalle sospensioni / riduzioni di attività per effetto del DPCM di ottobre, il credito d’imposta sugli affitti (3 mesi), ulteriori sei settimane di cassa integrazione / FIS per Covid, la proroga dello stop ai licenziamenti sino al 31 gennaio p.v. Il provvedimento sarà sicuramente superato dalle successive misure derivanti dal DPCM di novembre e dai successivi decreti emergenziali.

REGISTRO DEL TERZO SETTORE – Con decreto del Ministero del Lavoro vengono disciplinate le procedure di iscrizione degli Enti nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore, le modalità di deposito degli atti nel Registro, le regole per la predisposizione, la tenuta, la conservazione e la gestione del Registro stesso.

PROROGA CARTELLE ESATTORIALI –  sono state prorogate al 31 dicembre 2020: • la sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’agente della riscossione; • il periodo durante il quale si decade dalla rateizzazione con il mancato pagamento di 10 rate consecutive del piano di dilazione, anziché di 5; • gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione e dai soggetti iscritti all’Albo per l’accertamento e riscossione delle entrate degli enti locali aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di assegni di acquiescenza. I versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati, in unica soluzione, entro il 31 gennaio 2021.

LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO “AGOSTO” – porta qualche modifica al testo precedente, ma sono confermati: il blocco ai licenziamenti economici per le aziende che utilizzano la cassa integrazione prevista dal decreto “Agosto”;  le misure per permettere l’assistenza ai figli conviventi, minori di 14 anni dei lavoratori dipendenti in caso di quarantena disposta dalla ASL: 1. i genitori possono svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per tutto o parte del periodo della quarantena del figlio; 2. nel caso in cui il lavoro la modalità agile non sia possibile e comunque in alternativa, uno dei genitori, alternativamente all’altro, può astenersi dal lavoro per tutto o parte del periodo corrispondente, con indennità del 50% della retribuzione. Ampliato fino al 30 giugno 2021, il diritto allo smart working per i genitori lavoratori dipendenti privati che hanno almeno un figlio in condizioni di disabilità grave.

PROGRAMMAZIONE DEI FLUSSI D’INGRESSO DEI LAVORATORI NON COMUNITARI PER IL 2020 – Come negli anni precedenti viene fissata una quota massima di ingressi per i cittadini stranieri. Delle 30.850 unità previste 18.000 sono riservate al lavoro stagionale, mentre quelle stabilite per gli ingressi per motivi di lavoro non stagionale e autonomo sono 12.850 e, tra queste, 6.000 sono riservate agli ingressi per lavoro subordinato non stagionale nei settori dell’autotrasporto, dell’edilizia e turistico alberghiero per cittadini dei Paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria con l’Italia. Le istanze possono essere presentate a mezzo SPID fino al 31 dicembre 2020.

INCENTIVO LAVORO – è operativo l’Incentivo Lavoro per le assunzioni a tempo indeterminato e le trasformazioni a tempo determinato effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020 e rivolto alle imprese che assumono disoccupati fino a 25 anni e di età superiore se rientranti nella categoria di “lavoratori svantaggiati”. Pertanto a breve sarà possibile recuperare, per i datori interessati, l’importo massimo di 8.060,00 € su base annua ossia 671,66 € a mese spettanti a partire dalla data di assunzione/trasformazione. Al solito lo Studio predisporrà in autonomia, per i clienti che hanno conferito delega, le istanze telematiche per ottenere l’autorizzazione.

TUTELA DEL PERIODO DI SORVEGLIANZA ATTIVA – L’Inps ha pubblicato le istruzioni per il conguaglio / regolazione delle somme anticipate dai datori di lavoro ai lavoratori aventi diritto alla tutela della malattia dei periodi di quarantena. Il lavoratore deve sempre produrre specifico certificato attestante il periodo di quarantena nel quale il medico curante dovrà indicare gli estremi del provvedimento emesso dall’operatore di sanità pubblica. Quindi la malattia conclamata da Covid-19 viene gestita come ogni altro evento di malattia comune. Ricordiamo che non è possibile qualificare come malattia i periodi in cui il lavoratore in quarantena o in sorveglianza precauzionale, continui a svolgere attività lavorativa da casa. Infine la quarantena all’estero di assicurati in Italia è tutelata solo in presenza di un provvedimento dalle autorità sanitarie italiane.

CONGEDO COVID-19 PER QUARANTENA SCOLASTICA – in caso di quarantena scolastica dei figli i genitori possono fruire, dal 9 settembre 2020 fino al 31 dicembre 2020, di uno specifico congedo. La domanda va presentata dagli interessati via telematica all’INPS.

Ispettorato Nazionale Lavoro / DIFFIDA ACCERTATIVA – l’INL, con specifica circolare, ha precisato che tra i destinatari delle diffide accertative rientrano anche i soggetti che utilizzano le prestazioni di lavoro, da ritenersi solidalmente responsabili dei crediti accertati. Pertanto la diffida, nell’ambito di un appalto o di una somministrazione di manodopera, avrà in ogni caso come destinatari sia il datore di lavoro sia il responsabile in solido, ai quali il lavoratore potrà dunque, indifferentemente, rivolgersi per dare esecuzioni al titolo esecutivo. Rammentiamo che la complessità del processo di diffida richiede, nel corso tentativo di conciliazione instaurato nell’ambito dell’ispezione, l’assistenza del consulente del lavoro. La diffida acquista efficacia di titolo esecutivo trascorsi 30 giorni dalla notifica, salvo che non sia promosso un tentativo di conciliazione o sia presentato ricorso.

SPID – anche l’INAIL, dopo INPS e Ministero del lavoro, ha definito il percorso operativo per consentire solo tramite Spid, Cie e Cns l’accesso ai servizi web dell’Istituto.

COVID-19: INDICAZIONI PER DURATA E TERMINE DELL’ISOLAMENTO E DELLA QUARANTENA Il Ministero della Salute, con la circolare n. 32850 del 12 ottobre 2020, rivede le indicazioni per quanto riguarda la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena, in considerazione dell’evoluzione della situazione epidemiologica, delle nuove evidenze scientifiche, delle indicazioni provenienti da alcuni organismi internazionali (OMS ed ECDC) e del parere formulato dal Comitato Tecnico Scientifico l’11 ottobre 2020. Le persone asintomatiche risultate positive alla ricerca di SARS-CoV-2 possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa della positività, al 21 INFORMACLIENTI termine del quale risulti eseguito un test molecolare con risultato negativo (10 giorni + test). Le persone sintomatiche risultate positive alla ricerca di SARS-CoV-2 possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi (10 giorni, di cui almeno 3 giorni senza sintomi + test). Le persone che, pur non presentando più sintomi, continuano a risultare positive al test molecolare per SARSCoV-2, in caso di assenza di sintomatologia da almeno una settimana, potranno interrompere l’isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi. Questo criterio potrà essere modulato dalle autorità sanitarie d’intesa con esperti clinici e microbiologi/virologi, tenendo conto dello stato immunitario delle persone interessate (nei pazienti immunodepressi il periodo di contagiosità può essere prolungato). I contatti stretti di casi con infezione da SARS-CoV-2 confermati e identificati dalle autorità sanitarie, devono osservare: • un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso; oppure • un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno. Nella circolare si raccomanda di: • eseguire il test molecolare a fine quarantena a tutte le persone che vivono o entrano in contatto regolarmente con soggetti fragili e/o a rischio di complicanze; • prevedere accessi al test differenziati per i bambini; • non prevedere quarantena né l’esecuzione di test diagnostici nei contatti stretti di contatti stretti di caso (ovvero non vi sia stato nessun contatto diretto con il caso confermato), a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici o nel caso in cui, in base al giudizio delle autorità sanitarie, si renda opportuno uno screening di comunità; • promuovere l’uso della App Immuni per supportare le attività di contact tracing. 22 INFORMACLIENTI

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI FACOLTATIVI SEMPRE DEDUCIBILI – L’Agenzia delle Entrate evidenzia che sono deducibili dal reddito i contributi previdenziali versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza, qualunque sia la causa che origina il versamento, che può rinvenirsi nei riscatti, nella prosecuzione volontaria del versamento dei contributi nonché nella ricongiunzione di periodi assicurativi maturati presso altre gestioni previdenziali obbligatorie. Tale disposizione aiuta, anche economicamente, gli interessi a perfezionare i propri requisiti pensionistici.

Il quadro normativo – relativamente alla situazione emergenziale – è in rapida evoluzione, pertanto nei prossimi giorni predisporremo ulteriori comunicazioni.

 

I consulenti del lavoro di Ergon Stp:

  • Erika Damiani (socio)
  • Massimo Iesu (socio)
  • Cristiana Comelli (socio)
  • Martina Iesu (partner)
  • Maila Milocco (collaboratore esterno)

Ricordiamo che le circolari e le news predisposte dallo Studio hanno valenza meramente informativa e non costituiscono quindi consulenza o prestazione professionale.

 

Ultime Notizie

Ergon tra le prime 10 STP in Italia nel settore Consulenti del Lavoro
Novembre 24, 2020da
Da oggi ci trovi anche su Linkedin
Novembre 21, 2020da
Welfare 2020
Novembre 19, 2020da

Archivi