Ergon Informa Clienti agosto 2020

Ergon Stp > Consulenti > Ergon Informa Clienti agosto 2020

Inviamo la sintesi delle novità del mese di agosto in materia di lavoro predisposta sulla base dell’Informaclienti redatto dalla Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro

Maggiori informazioni e chiarimenti possono essere richiesti ai Consulenti dello Studio.

*****

DECRETO AGOSTO – il “decreto Agosto”, ennesimo intervento legislativo dedicato all’emergenza, interviene ulteriormente su:

  • concessione di ulteriori 9 + 9 settimane di CIG di cui le seconde saranno gravate di un contributo aggiuntivo commisurato alla diminuzione di fatturato tra il primo semestre 2020 e quello corrispondente del 2019
  • blocco dei licenziamenti solo al termine del periodi di cassa, anche se non richiesta, per cui dal 13 luglio si arriva – a seconda dei singoli casi – quantomeno a metà novembre
  • le imprese, che hanno utilizzato la cassa Covid a maggio e giugno e che non ne hanno chiesto una proroga, beneficeranno dell’esonero totale dei contributi previdenziali per un massimo di 4 mesi a fronte del blocco dei licenziamenti. TALE NORMA CONFIGURANDO AIUTO DI STATO è IN ATTESA DI AUTORIZZAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA
  • viene introdotta, per le assunzioni a tempo indeterminato ovvero stabilizzazioni di tempi determinati, effettuate fino al 31 dicembre 2020 una decontribuzione per un massimo di 6 mesi con un limite di € 8060 da parametrare su base mensile
  • è possibile prorogare ulteriormente, con il solo limite dei 24 mesi, i contratti a termine in deroga al numero di proroghe e sussistenza di specifiche causali

Evidenziamo che non sono previsti meccanismi di “recupero” di eventuali settimane di CIG, previste dai precedenti decreti, non utilizzate, per cui ora le 9+9 rappresentano l’ultimo intervento. Al termine del periodo sarà possibile, ove sussistenti le cause di legge e per le sole imprese titolari del diritto, richiedere eventualmente la CIG ordinaria.

A OGGI NON SONO STATE EMANATE CIRCOLARI ILLUSTRATIVE DI ALCUN TIPO per cui invitiamo i Clienti a pazientare.

DURC – Restano validi fino al 29 ottobre i Durc online con scadenza fra il 31 gennaio e il 31 luglio 2020, ovvero per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza stabilito con delibera del Consiglio dei Ministri lo scorso 31 gennaio.

DECRETO “RILANCIO” – l’Agenzia delle Entrate (circ. 25/2020) è intervenuta in materia di: versamento dell’Irap, utilizzo del credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto di dispositivi di protezione, investimento pubblicitari, sospensione dei versamenti delle somme dovute a seguito di atti di accertamento con adesione, conciliazione, rettifica e liquidazione. Rimandiamo ulteriori interventi ai casi specifici.

USO PROMISCUO AUTOVETTURA AZIENDALE – il nuovo regime di addebito del fringe benefit, che prevede gradi di imponibilità inversamente proporzionali al livello di inquinamento dell’autovettura concessa in uso promiscuo al lavoratore, parte dal 1° luglio 2020: il requisito temporale è unico, sia per quanto riguarda l’immatricolazione dei veicoli sia la stipula dell’accordo tra datore di lavoro e dipendente. La nuova disposizione va applicata per le nuove immatricolazioni, riguardanti mezzi assegnati in uso promiscuo ai dipendenti con contratti stipulati a partire dal 1° luglio 2020. Per i contratti precedenti rimane, invece, valida la vecchia normativa che prevede una tassazione fissa al 30% del corrispondente reddito.

INCENTIVI FISCALI PER IL RIENTRO IN ITALIA DI DOCENTI/RICERCATORI RESIDENTI ALL’ESTERO – chiarite quali sono le agevolazioni fiscali spettanti ai ricercatori italiani che, dopo un periodo all’estero, decidono di ritornare in Italia. Può usufruire già dal 2020 e per i successivi dieci anni degli incentivi fiscali previsti, per favorire il rientro in Italia di docenti e ricercatori, il contribuente che ha due figli minorenni e ha trasferito nel nostro Paese, nello scorso aprile, la propria residenza e quella dei familiari, per svolgere l’attività di ricerca presso una struttura, pubblica o privata.

INDENNITÀ COVID – l’INPS ha precisato chi sono i destinatari dei nuovi bonus di 600 e 1.000 euro. Sono esclusi: i liberi professionisti titolari di partita IVA, i collaboratori coordinati e continuativi, i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO, i lavoratori del settore agricolo. In attesa delle istruzioni e procedure operative per avere accesso alle indennità, l’INPS elenca le tipologie di lavoratori aventi diritto alle indennità e i requisiti di spettanza del bonus.

Con l’occasione informiamo tutti che, nel rispetto delle normative vigenti, lo Studio ha ripreso tutte le attività anche “in presenza”. Ovviamente è necessario, per l’accesso, richiedere appuntamento alla segreteria. Anche i corsi di formazione in aula, contingentati, sono ripresi regolarmente.  

I consulenti del lavoro di Ergon Stp:

  • Erika Damiani (socio)
  • Massimo Iesu (socio)
  • Cristiana Comelli (socio)
  • Martina Iesu (partner)
  • Maila Milocco (collaboratore esterno)

Ricordiamo che le circolari e le news predisposte dallo Studio hanno valenza meramente informativa e non costituiscono quindi consulenza o prestazione professionale.

Ultime Notizie

Torneo Ergon Stp in collaborazione con Vini Salcheto – Golf Club Trieste 20 settembre 2020
Settembre 22, 2020da
Ergon Informaclienti luglio 2020
Agosto 10, 2020da
Bonus 100 euro
Luglio 17, 2020da

Archivi