CONTRATTI DI COLLABORAZIONE, COSA CAMBIA CON IL D.LGS 81/2015

Ergon Stp > Consulenza del lavoro > CONTRATTI DI COLLABORAZIONE, COSA CAMBIA CON IL D.LGS 81/2015

A decorrere dal 01 gennaio 2016, si applica la disciplina si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità’ di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro.

Questa disposizione prevede alcune eccezioni:

  • alle collaborazioni per le quali gli accordi collettivi nazionali stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale prevedono discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore;
  • alle collaborazioni prestate nell’esercizio di professioni intellettuali per le quali e’ necessaria l’iscrizione in appositi albi professionali;
  • alle attività’ prestate nell’esercizio della loro funzione dai componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società’ e dai partecipanti a collegi e commissioni;
  • alle collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società’ sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I;
  • nei confronti della pubblica amministrazione fino a febbraio 2017.

Al di fuori di queste eccezioni non sono più consentite le collaborazioni a progetto (ma non le collaborazioni coordinate e continuative ex art. 409 c.p.c. (quindi senza progetto e senza necessità di un termine finale). L’articolo 49 prevede che i contratti di collaborazione già in essere possano proseguire fino a scadenza.

Beneficio trasformazione dei contratti

Al fine di promuovere la stabilizzazione dell’occupazione mediante il ricorso a contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato nonché di garantire il corretto utilizzo dei contratti di lavoro autonomo, sino al 31 dicembre 2015, i datori di lavoro privati che procedano all’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti già parti di contratti di collaborazione coordinata e continuativa (anche a progetto) e di persone titolari di partita IVA, vedranno l’estinzione delle violazioni previste dalle disposizioni in materia di obblighi contributivi, assicurativi e fiscali connessi alla eventuale erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso (salve le violazioni già accertate prima dell’assunzione).
A condizione che:

  1. i lavoratori interessati alle assunzioni sottoscrivano, con riferimento a tutte le possibili pretese riguardanti la qualificazione del pregresso rapporto di lavoro, atti di conciliazione in una delle sedi di cui all’articolo 2113, comma 4, del codice civile, e all’articolo 76 del decreto legislativo n. 276 del 2003;
  2. nei dodici mesi successivi alle assunzioni di cui al comma 2, i datori di lavoro non recedano dal rapporto di lavoro, salvo che per giusta causa ovvero per giustificato motivo soggettivo.

Ultime Notizie

Ergon Informa Clienti agosto 2020
Settembre 17, 2020da
Ergon Informaclienti luglio 2020
Agosto 10, 2020da
Bonus 100 euro
Luglio 17, 2020da

Archivi