Ergon Stp > Consulenza del lavoro > Bonus 200 euro ottobre

Estensione dell’indennità una tantum da 200 euro ai lavoratori interessati da eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale da parte dell’INPS

Con la circolare 111/2022 l’INPS ha fornito le istruzioni per l’erogazione del “bonus 200 euro” a quei lavoratori dipendenti che ne erano stati esclusi, in quanto interessati da eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale da parte dell’INPS, come la Cassa integrazione guadagni per sospensione dell’attività.

Il cd. “Decreto Aiuti-bis” (D.L. 115/2022) ha previsto che l’indennità una tantum pari a 200 euro vada riconosciuta anche a quei lavoratori che, pur avendo un rapporto di lavoro in essere nel mese di luglio 2022, non hanno potuto godere dell’esonero contributivo dello 0,8% previsto dalla legge di Bilancio 2022 – prerequisito per ottenere il “bonus 200 euro” – in quanto destinatari di eventi con contribuzione figurativa integrale da parte dell’INPS. Tra questi rientrano, ad esempio, il congedo di maternità obbligatorio, la Cassa integrazione guadagni per sospensione dell’attività, etc.

Non si tratta quindi di un nuovo bonus da riconoscere a tutti i dipendenti, ma di una misura che estende il “bonus 200 euro”, già erogato a luglio 2022, a determinati lavoratori che ne erano rimasti esclusi.

Con la retribuzione di competenza del mese di ottobre 2022, i datori di lavoro dovranno, in automatico, provvedere ad erogare l’indennità ai lavoratori in forza nel mese di ottobre 2022:

  • Che abbiano avuto un rapporto di lavoro nel mese di luglio 2022, anche con altro datore di lavoro;
  • Che siano stati destinatari di eventi con copertura figurativa integrale dall’INPS, dal 1° gennaio 2022 fino alla data del 18 maggio 2022 (gli eventi possono essere sorti antecedentemente il 1° gennaio 2022 e proseguiti in data successiva al 18 maggio);
  • Che non abbiano ricevuto il “bonus 200 euro” ad altro titolo.

L’indennità è riconosciuta previa autodichiarazione da parte del lavoratore dipendente:

  • Di non aver beneficiato dell’indennità una tantum da 200 euro di cui agli articoli 31 e 32 del D.L. 50/2022, cioè il bonus 200 euro erogato ai lavoratori dipendenti nella busta paga di luglio 2022, o da parte dell’INPS per le altre categorie di beneficiari;
  • Di essere stato destinatario di eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale dall’INPS nel periodo 1° gennaio 2022 – 18 maggio 2022 (data di entrata in vigore del D.L. 50/2022);
  • Di essere consapevole di non aver diritto all’indennità erogata per il tramite del datore di lavoro nel mese di ottobre 2022, se già destinatario della stessa con erogazione da parte dell’INPS.

A questo scopo, lo Studio ha creato un fac-simile di autodichiarazione che trovate in allegato, da consegnare e far firmare solo ai dipendenti che rientrano in queste ipotesi.

L’indennità erogata ad ottobre non è aggiuntiva rispetto ai 200 euro già erogati a luglio 2022: è un’estensione di questa misura a determinati lavoratori che non lo hanno ancora ricevuto. Pertanto, non andrà erogato a coloro che ne hanno già beneficiato con la retribuzione di competenza di luglio 2022.

La misura, inoltre, non va confusa con l’indennità una tantum da 150 euro prevista dal decreto c.d. “Aiuti – ter”, che sarà oggetto di un’apposita news dello Studio.

Per qualsiasi chiarimento contattare il Consulente di riferimento. Ricordiamo che le circolari e le news predisposte dallo Studio hanno valenza meramente informativa e non costituiscono quindi consulenza o prestazione professionale.

Download (PDF, 122KB)

I consulenti del lavoro di Ergon Stp:

Erika Damiani (socio) Massimo Iesu (socio)
Cristiana Comelli (socio) Martina Iesu (partner)
Nicolas Frediani (partner) Maila Milocco (collaboratore esterno)

 

Ultime Notizie

Fondo Nuove Competenze (FNC) – seconda edizione anno 2022
Dicembre 2, 2022da
Decreto “Aiuti-quater”: fringe benefit esenti fino a 3000 euro per il 2022
Novembre 25, 2022da
Fringe benefits: limite dei 600 euro e tassazione
Novembre 9, 2022da

Archivi